Crea sito

Archive of ‘Dolci’ category

Torta soffice al pompelmo – senza lattosio e uova

Torta soffice al pompelmo

Oggi, facendo la spesa al mercato rionale vicino casa mia, ho visto sulla bancarella i pompelmi. Proprio questa mattina, facendo colazione, mi è capitato sotto gli occhi, un articolo che parlava delle proprietà di questo frutto. Ricco di antiossidanti, il pompelmo è un frutto anti-age –  e questo mi aveva già convinto, considerando che sono prossima a lasciare i trent’anni e iniziare la scalata verso i quaranta.- Gli antiossidanti del pompelmo aiutano la funzionalità del fegato, prevengono l’insorgenza delle malattie cardiovascolari, contengono vitamine AB e C ed ha solo e sottolineo solo 36 calorie. Adesso mi direte che le 36 calorie le assumiamo se mangiamo il frutto, ovviamente se utilizzo il pompelmo per farci una torta, le calorie aumentano. Lo so, ma tutto il preambolo che avete letto sino ad ora, mi ha fatto sentire meno in colpa quando ho mangiato una fetta della TORTA SOFFICE AL POMPELMO, senza LATTOSIO, e senza UOVA, quindi adatta a chi ha problemi di intolleranza o allergia.

Torta soffice al pompelmo

tortiera da 24 cm

200 ml di succo di pompelmo

200 ml di acqua tiepida

90 ml di olio di mais

180 g di zucchero semolato

300 g di farina 00

1 bustina di lievito per dolci

un pizzico di sale

scorza di due pompelmi non trattati

In una ciotola versare gli ingredienti nello stesso ordine in cui sono stati scritti. Mescolare il composto evitando la formazione di grumi. Versare l’impasto in una tortiera foderata da carta forno. Infornare a 180° per 40 minuti a forno preriscaldato. Fare la prova stecchino per verificare la cottura. Lasciare raffreddare e spolverizzare con zucchero a velo.

Ps. Ho voluto abbellire la torta aggiungendo sul fondo della tortiera, prima di versare il composto, uno strato di zucchero di canna integrale e fettine di pompelmo. In cottura si caramelleranno e daranno alla torta soffice al pompelmo un gusto più dolce.

Tortino al cioccolato con cuore morbido (Luca De Santi)

E’ trascorso quasi un anno, ormai manca davvero poco alla nuova edizione del congresso di Identità Golose 2017, qui a Milano. Solo ora ho provato a rifare, umilmente, il Tortino al cioccolato con cuore morbido di Luca De Santi, capo pasticcere e sous chef presso il ristorante dello chef Cesare Battisti, Ratanà ( Milano ).

Il tortino al cioccolato con cuore morbido, si sa, conquista sempre tutti. Assaporato nei momenti di profonda nostalgia e malinconia, è un vero toccasana. Qualche sera fa ero davvero giù, fuori pioveva e Milano era avvolta dalla nebbia fitta. L’inverno sembrava proprio non togliere le tende –  anche se mi rendo conto che siamo ancora a febbraio, con la mente sono proiettata alla bella stagione primaverile – così ho deciso di provare la ricetta, che il titolato pasticcere De Santi, aveva spiegato e dopo fatto assaggiare, durante uno dei corsi della Scuola di Cucina di Identità Golose 2016. Risultato? Lascio che lo proviate anche voi a sfornare un tortino al cioccolato con cuore morbido.

Aspetto i vostri commenti!

Ps. A causa della mia intolleranza al lattosio, ho dovuto un pò modificare la ricetta usando margarina vegetale al posto del burro e cioccolato al 70% anzichè quella al 50% come nella ricetta, non ho variato le grammature. Il risultato si è avvicinato di molto all’originale.

Tortino al cioccolato con cuore morbido di Luca De Santi

Per 18 tortini da 50 g

250 g di burro

250 g di cioccolato fondente 7o%

90 g di zucchero

5 uova intere

50 g di farina debole

Sciogliere al microonde il cioccolato in pezzi e il burro, una volta pronto lasciarlo raffreddare e portarlo a 30°. Nel frattempo imburrare e infarinare gli stampini. In un mixer versare il cioccolato sciolto con il burro e avviare la macchina. Unire lo zucchero e una volta mescolato, le uova sbattute a filo. Quando sarà tutto amalgamato, aggiungere la farina e lasciarla incorporare al composto. Versare 50 g di impasto in ogni stampino e congelare. Quando i tortini saranno congelati, a forno preriscaldato a 200°, cuocere per 7 minuti,

Servire i Tortini al cioccolato con cuore morbido di Luca De Santi caldi, spolverizzati con zucchero a velo o accompagnati da panna montata.

Muffin Vegani di chef Simone Salvini

muffin vegani di chef Simone Salvini

Non lasciatevi spaventare dal loro nome, i MUFFIN VEGANI DI CHEF SIMONE SALVINI, il famosissimo chef della cucina vegana a cui Crozza si ispira per la sua parodia dello chef Germidi Soia, sono davvero, davvero deliziosi. O che li accompagnate con il tè a merenda o con caffè e latte a colazione, tra tutti i muffin preparati fin ora, i muffin vegani sono uno tira l’altro. Non contengono latte e derivati ovviamente, solo olio vegetale e olio d’oliva come grasso, non contiene uova, ma tanto buonissimo cioccolato in pezzi e in più io ho aggiunto una manciata di fiocchi d’avena che rende i muffin vegani ancora più appetitosi.

Muffin Vegani di Chef Simone Salvini

Ingredienti

200 gr di farina Senatore Cappelli

100 g di farina di grano tenero tipo “0”

150 gr di zucchero di canna integrale

270 gr di bevanda vegetale di avena

100 gr di olio di mais

40 gr di olio extravergine d’oliva

60 gr di cioccolato fondente

60 gr di fiocchi di avena

1 bustina di cremortartaro

scorza di arancia non trattata

pizzico di sale

Ho messo in una scodella capiente le farine con cremortartaro setacciato e il sale. Ho frullato lo zucchero con la scorza d’arancia e l’ ho aggiunto alla miscela di farine. Con il frullatore ad immersione ho miscelato i due tipi di olio e la bevanda di avena. Ho versato gli ingredienti liquidi alle polveri. Ho aggiunto metà quantità di pezzi di cioccolato e  fiocchi di avena. Ho versato l’impasto nei pirottini di carta. Ho distribuito sulla loro superficie il restante cioccolato e qualche fiocco di avena. Ho acceso il forno e impostato il programma ventilato, ho fatto riscaldare e cotto i muffin vegani a 180° per 15 minuti. – Fate la prova stecchino –

 

Torta al caffè, cioccolato fondente e ganache all’acqua

torta al caffè

La TORTA AL CAFFE’, CIOCCOLATO FONDENTE E GANACHE ALL’ACQUA è un ottimo dessert per concludere al meglio una cena tra amici, o come è successo nel mio caso, una cena tra parenti.

Continuano le cene per inaugurare la mia nuova casa milanese. Tra pizze, focacce, rustici e salumi, ho preparato la torta al caffè, cioccolato fondente e ganache all’acqua per chiudere in bellezza la bella serata in compagnia. Il nome della ricetta potrebbe far pensare ad una torta abbastanza ” pesante “, invece no. La torta risulta molto soffice e leggera, al profumo di caffè, arricchita con pezzi di cioccolato fondente. Il tutto è reso ancora più goloso dalla ganache all’acqua. La ganache al cioccolato è la classica crema da copertura per torte, che si prepara con solo due ingredienti, panna e cioccolato. Ma data la mia intolleranza, niente panna! Allora ho provato la panna di soia da montare, che però non era disponibile al supermercato. Grazie però agli innumerevoli siti di cucina presenti sul web, ho trovato su Ifood, la ricetta per la ganache all’acqua, più leggera, meno grassa, la possono mangiare gli intolleranti al lattosio e chi segue un’alimentazione vegana.

Torta al caffè, cioccolato fondente e ganache all’acqua

Ingredienti

125 gr di burro ( nel mio caso margarina vegetale )

180 gr di zucchero di canna

2 uova

1 tazzina di caffè amaro

200 gr di farina

1+1/2 cucchiaino di lievito per dolci

1 pizzico di sale

100 g di cioccolato fondente o gocce di cioccolato

per la ganache all’acqua

115 ml di acqua

75 g di cioccolato fondente

In una ciotola ho lavorato il burro con lo zucchero. Ho aggiunto uno per volta le uova, il caffè, la farina, il lievito e un pizzico di sale.Infine ho unito i pezzettini di cioccolato fondente che avevo precedentemente preparato. Quando il composto è diventato spumoso, ho imburrato e infarinato lo stampo ( da 18 cm ) e versato al suo interno l’impasto della torta al caffè. Ho infornato a forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. – Ricordate sempre la prova stecchino. –

A cottura terminata ho lasciato raffreddare la torta al caffè e ho preparato la ganache.

Ho fatto riscaldare la quantità di acqua e l’ho versata sul cioccolato fondente spezzettato e ho emulsionato con frullatore ad immersione.

Ho versato la ganache sulla torta. Ed eccoal qui, la TORTA AL CAFFE’, CIOCCOLATO FONDENTE E GANACHE ALL’ACQUA, pronta per conquistare i vostri commensali.

Tortine al cacao – Ricetta vegana

Tortine al cacao - ricetta vegana

Ben ritrovate e ben ritrovati, cari amici di Prendili per la gola. Come state? Quanti mesi di silenzio ci sono stati! Ma se seguite il profilo instagram legato al blog, sapete che la pausa è ben giustificata: ho detto sì al mio storico fidanzato. Ora sono una donna sposata! Ahahahah. Per festeggiare il mio ritorno, ho pensato di preparare le TORTINE AL CACAO – RICETTA VEGANA. Perchè ricetta vegana vi starete chiedendo. Non ho sposato il veganismo.  Avendo problemi di intolleranza al lattosio, scoperta poco più di un anno fa, mi sono dedicata alla preparazione di pietanze salate e dolci che non contenessero latte e i suoi derivati, dove questo ” antipatico ” zucchero è più concentrato. E’ più facile imbattersi in ricette vegane se elimini il latte animale. E devo dire che molti piatti veg, mi hanno stupito per la loro bontà. Come queste tortine al cacao, figlie della torta pazza o crazy cake, la cui ricetta per un pò è girata sui social. Mi sa che la prima volta l’ho vista su facebook, era un video condiviso dal canale youtube Home Cooking Adventure. Le tortine al cacao – ricetta vegana le prepari in 5 minuti, basta munirti di ciotola e frusta, le cuoci in 15 minuti –  ricordate sempre la prova stecchino – le mangi in pochi secondi. Nell’articolo vi lascio la ricetta delle tortine al cacao, utilizzate le stesse dosi per la crazy cake, la differenza sta nella glassa. Per le tortine ho usato della panna di soia montata, per la torta, che ha concluso con successo la prima cena tra amici nella nuova casa, è stata glassata con della ganache preparata con cioccolato fondente 100% e panna di soia.

Tortine al cacao – Ricetta vegana

per 12 tortine o una tortiera da 18 cm

Ingredienti secchi

190 gr di farina 00

30 gr di cacao

100 gr di zucchero

6 gr di lievito per dolci

una bustina di vanillina

un pizzico di sale

Ingredienti liquidi

70 gr di olio vegetale ( io ho usato l’olio di mais)

240 ml di acqua

In una ciotola miscelare tutte le polveri, unire gli ingredienti liquidi e mescolare. Versare il composto nei pirottini da muffin. Se non sono di silicone, i pirottini vanno oleati e infarinati precedentemente. Infornare a forno caldo a 180° per 15 minuti.

Montare la panna e fare dei ciuffetti della superfice delle tortine al cacao – Ricetta vegana.

Se optate per la torta, il procedimento è lo stesso. Una volta cotta, lasciate raffreddare e preparate la ganache con 100 ml di panna e 200 g di cioccolato. Nel mio caso ho usato la panna di soia Hoplà e il cioccolato fondente al 100%.

Crazy Cake con ganache al cioccolato

Tortine al cacao - Ricetta vegana Tortine al cacao - Ricetta vegana

Brioche da colazione senza lattosio

Brioche da colazione senza lattosio

Come cominciare al meglio la giornata se non con le mie brioche da colazione senza lattosio?

 Sono ormai mesi che cerco ricette collaudate che non contengano lattosio, il mio piú grande nemico da un bel pó di mesi a questa parte.
Se le ricette collaudate non mi convincono, cerco di convertire le ricette classiche in ricette che posso mangiare anch’io, perché la cosa peggiore che possa succedere ad un intollerante é l’essere tagliato fuori. Non sto qui a spiegarvi le difficoltà che riscontro ogni qualvolta che intendo far colazione fuori, o pranzare o cenare.
Allora, almeno a casa, cerco di coccolarmi.
Le brioche da colazione che vado a presentarvi sono perfette, soffici, golose, senza lattosio, che sono andata a farcire la Nocciolata di Rigoni di Asiago.

Brioche da colazione senza lattosio

Ingredienti
Lievitino:
50 ml di bevanda di soia o di riso
30 g di zucchero di canna integrale
30 g di farina 00
1 bustina di lievito disidratato

Impasto:
1 uovo
100 g di zucchero di canna integrale
125 ml di olio d’oliva
150 ml di bevanda di soia o di riso
450 g di farina 00
1 pizzico di sale

Procedimento
Preparare il lievitino mettendo tutti gli ingredienti indicati nella ricetta, mescolare con un cucchiaio e lasciare lievitare per 30 minuti.
In una ciotola versare la farina, lo zucchero di canna, pizzico di sale e miscelare. Emulsionare la bevanda vegetale con l’olio, aggiungerla alle polveri, unire l’uovo e il lievitino. Impastare e ottenere un panetto liscio e compatto. Nel caso dovesse risultare un impasto appiccicaticcio aggiungere un pó di farina.
Lasciare lievitare fino al raddoppio del volume del panetto.
Dividere l’impasto in pezzi uguali, e dare ad ogni brioche la forma che preferite. Io ho scelto la forma della brioche siciliana ( cliccando qui troverete la ricetta) formando due palle, una piú piccolo dell’altra. Posizionare la pallina piú piccola sulla palla piú grande. Lasciare lievitare per un’altra ora.
Cuocere le brioche da colazione senza lattosio per 15 minuti a 160°.
Quando saranno cotti, spennellare le brioche con acqua e spolverizzare con zucchero di canna.

Consiglio: Se le brioche da colazione senza lattosio saranno troppe, congelatele dopo averle cotte. La sera prima tiratele fuori dal congelatore, al mattino 5 minuti in forno e saranno come appena sfornate.

Segui Prendili per la gola anche sui social network piú importanti, Facebook, Twitter, Instagram, Tumblr, Pinterest, trovi il link sul lato destro della home.

Conosci i prodotti della mia fantastica Puglia? I migliori li trovi sul sito di e-commerce Puglia Foods. Clicca su questo link —>>  http://www.pugliafoods.it/?ref=76 e delizia il tuo palato

Brioche da colazione senza lattosio

Pandoro vegano senza uovo burro e lattosio

Pandoro vegano

Una classico delle feste é il Pandoro, non possiamo farne a meno. Ogni anno é una buona lotta tra pandoro e panettone, per me vincerà sempre il primo. Quest’anno ho voluto provare la ricetta del Pandoro vegano, una versione del classico dolce natalizio piú leggero. L’impasto non contiene uova e latte animale; é sfogliato con un grasso vegetale e io ho scelto la margarina. Il procedimento é lo stesso: si preparano tre impasti che verranno uniti nei vari passaggi, la sfogliatura é la stessa del panettone classico, resta una notte a riposo.

Il pandoro vegano non avrà nulla da invidiare al classico pandoro, sia nel colore che nel sapore. Il classico colore dorato sarà dato dalla curcuma aggiunta all’impasto.

Io ho impastato il pandoro vegano sia a mano che con la planetaria, non posso negare che la struttura dell’impasto cambierà, ma se non avete l’impastatrice non temete, il pandoro sarà buonissimo anche se impastato solo con la vostra forza.

Ho preso la ricetta dal sito GreenMe.it

Guarda anche la ricetta del mio Pandoro classico

Pandoro vegano 

Ingredienti e procedimento

Lievitino

50 g di farina ( 25 g di manitoba e 25 g di farina0 ), 60 g di acqua, 15 g di lievito di birra fresco, 10 g di zucchero di canna, 1 cucchiaio di fecola di patate, 1 cucchiaio di latte di riso, 1 pizzico di curcuma

In una ciotola mescolare acqua e lievito, unire le farine, zucchero e il resto degli ingredienti. Lasciare lievitare il lievitino per un’ora.

Primo impasto

200 g di farina ( 100g di manitoba +100 g di farina 0), 3 g di lievito di birra, 25 g di zucchero di canna, 30 g di burro vegetale biologico, 2 cucchiai di acqua, 5 cucchiai di latte di riso, 1 cucchiaio di fecola, 1 pizzico di curcuma.

Versare tutti gli ingredienti secchi in una ciotola, unire il lievitino e cominciare ad impastare. Unire i liquidi e impastare. Per ultimo rendere il burro “pomata” e unirlo poco per volta all’impasto. Lavorare il tutto per 15 minuti. Trasferire il panetto in una ciotola pulita, a polverizzato di farina e coprite con una pellicola. Lasciare lievitare fino al raddoppio.

Secondo impasto

200 g di farine ( 100 g di manitoba+ 100 g di farina 0), 100 g di zucchero di canna, 1 pizzico di sale, 1 stecca di vaniglia, 2 cucchiai di fecola di patate, 10 cucchiai di latte di riso, 1 pizzico di curcuma.

In una ciotola versare tutti gli ingredienti secchi, unire il primo impasto, i semini della bacca di vaniglia, il latte e per ultimo il sale. Impostate energicamente per 15 minuti. Ungere la ciotola in cui faremo riposare l’impasto con il burro, e riporre l’impasto. Lasciare lievitare coperta da pellicola per 1 ora e mezza. Poi trasferire l’impasto in frigoriferi e lasciarlo per 40 minuti.

Sfogliatura

140 g di burro vegetale freddo

Stendere l’impasto su una spianatoia infarinata. Formare un quadrato spesso 1 cm. Disporre al centro il burro a tocchetti. Chiudere il quadrato a formare una busta. Chiudere bene tutte le giunture e a partire dal quadrato, allungare l’impasto in un rettangolo. Adesso cominciare con le pieghe. Portare il lembo di destra verso il centro del rettangolo, appoggiare qui il lembo di sinistra. Lasciare riposare il panetto in frigo per 20 minuti.

Ripetere la procedura delle pieghe per tre volte con intervalli di 20 minuti. Dopo l’ultima piega, formare una palla con l’impasto, massaggiarla con il burro e metterla nello stampo da pandoro per 1 kg di impasto. Coprire con la pellicola e lasciare riposare al caldo per tutta la notte.

Al mattino accendere il forno e lasciarlo riscaldare, infornare il pandoro prima a 180° per 10 minuti poi abbassare a 160° per 45/50 minuti.

Lasciare raffreddare il pandoro vegano, sformarlo, e ricoprirlo con abbondante zucchero a velo.

Pandoro vegano

Buone feste da Prendili per la gola

Segui Prendili per la gola anche sui social Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest.

 

Fiore di Brioche con crema di nocciole

fiore di brioche

Far colazione con il Fiore di Brioche con crema di nocciole, quando fuori fa freddo, quando, ormai, il profumo del Natale comincia a scaldarci il cuore, per me non ha prezzo.

Cos’ha di particolare il mio fiore di brioche? La combinazione degli ingredienti in polvere.

Non avendo in dispensa la manitoba, la farina americana che tutte le ricette che ho cercato in internet consigliavano per la realizzazione, ho miscelato alla farina 00 la semola di grano duro rimacinata. Da sempre al sud si è usata la semola di grano duro rimacinata non solo per preparare pasta, focacce o pane, ma anche per realizzare dolci.

Così ho deciso di usarla per preparare il mio fiore di brioche, il risultato? Ottimo! Vi consiglio di provare e sentire la differenza.

Io ho deciso di farcire il fiore di brioche con la crema di nocciole, un classico, ma va benissimo anche la confettura o la marmellata.

Per la realizzazione del fiore di brioche, vi rimando al video tutorial trovato su youtube 

Fiore di Brioche con crema alle nocciole

Ingredienti

300 g di farina 00

200 g di semola di grano duro rimacinata

2 uova

30 g di margarina vegetale

60 g di zucchero semolato

180 g di latte di riso

1 bustina di lievito di birra secco

un pizzico di sale

un tuolo + 3 cucchiai di latte

Per farcire

nutella qb

zucchero a velo

Procedimento

In una ciotola miscelare la farina 00, la semola, il lievito di birra secco. In una brocca mescolare le uova con il latte. Unire alle polveri la mischela di uova, aggiungere lo zucchero e il sale. Cominciare ad impastare.

Aggiungere poco per volta la margarina, continuando ad impastare fino ad ottenere un impasto morbido e liscio.

Lasciare lievitare il panetto in una ciotola coperta da pellicola trasparente, in forno con luce accesa, fino al raddoppio del suo volume. ( circa due ore)

Dividere il panetto in 4 pezzi di ugual peso.

Stendere i panetti ottenuti. Con un piatto, almeno io ho fatto così, ricavare 4 cerchi della stessa dimensione. Spalmare la crema di nocciole sul primo disco, coprire col secondo e ripetere il procedimento fino all’ultimo disco.

Adesso mettere al centro del cerchio un bicchiere, dividere il disco un 4  parti, poi in 8 e infine in 16.

Ora attorcigliare su se stesse le strisce a due a due, e unirle all’estremità. Il video che vi ho linkato vi sarà molto d’aiuto, fidatevi.

Lasciare lievitare ancora una mezz’ora, spennellare con un tuolo d’uovo e latte. Infornare a 180° per 25 minuti. Spolverizzare con zucchero a velo.

Biscotti al Burro con Marmellata e Confettura

fypXtqJ

Si avvicina il periodo natalizio e per me vuol dire profumo di biscotti al burro con marmellata di arance amare e confettura ai frutti di bosco.

I biscotti al burro sono una delle prime ricette che ho imparato dalla mia mamma, nel periodo in cui i ciambelloni non volevano proprio star su. Adoro mangiare questi biscotti sia a colazione che dopo pranzo, ma fidatevi, andranno bene in ogni momento della giornata.

Poi sono così facili e veloci da preparare che non smetterete mai di sgranocchiarli. Mettete su a bollire l’acqua per il tè, tra meno di 20 minuti fare merenda con i biscotti al burro.

Biscotti al burro 

Ingredienti

300 g di farina 00

200 g di semola rimacinata

2 uova piccole

200 g di zucchero

250 g di burro

vaniglia

pizzico di sale

marmellata e confettura

Procedimento

Nel mixer inserire la farina, semola e burro a pezzi, azionare fino ad ottenere dei grumi. Aggiungere lo zucchero, le uova, pizzico di sale e vaniglia. Azionare fino ad ottenere una palla.

Lasciare riposare l’impasto in frigo per 15 minuti.

Stendere l’impasto tra due fogli di carta forno sottile 3 mm, ricavare delle forme, quelle che più vi piacciono. Ricordate di bucare al centro la metà delle forme di impasto ottenute in modo da farle combaciare dopo la cottura con le forme intere su cui spalmerete la confettura.

Infornare a forno preriscaldato a 180° per 15 minuti.

Raffreddare i biscotti al burro. Sulla parte intera spalmare la marmellata o confettura che più vi piace. Spolverare con abbondante zucchero a velo.

biscotti al burro

 

 

 

 

 

Biscotti con Gocce di Cioccolato, senza burro

Biscotti con gocce di cioccolato senza burro

Guarda questa immagine creata con #PicsArt da io a http://picsart.com

Biscotti con Gocce di Cioccolato, senza burro e cuore di crema di nocciole acconpagnati da caffè ginseng e latte di riso, sono la mia attuale colazione preferita…Che vera bontà! I biscotti senza burro sono davvero facili, basta prendere una ciotola, versare gli ingredienti e smuovere l’impasto con uno sbattitore elettrico. Non contengono latte o suoi derivati – se siete intolleranti al lattosio mi raccomando usate anche una crema di nocciola senza lattosio, io ho usato una comune crema spalmabile non avendo intolleranze – solo olio di mais, pochissimo zucchero e tanto cioccolato, che come sappiamo, soprattutto al mattino, mette sempre di buon umore.
Ho preso spunto per i biscotti con gocce di cioccolato senza burro e cuore di crema di nocciole dal sito leitv.it.

Biscotti con  Gocce di Cioccolato senza burro e cuore di crema di nocciole

Ingredienti

◆ 300 g di farina 00 ◆ 50 g di zucchero semolato ◆ 60 ml di olio di mais ◆ 2 uova ◆ 2 cucchiai di lievito per dolci ◆ un pizzico di sale ◆ 20 g di gocce di cioccolato ◆ crema di nocciole qb

Procedimento

In una ciotola montare le uova con lo zucchero.A filo versare l’olio, aggiungere la farina e il lievito setacciati, un pizzicodi sale. Unire le gocce di cioccolato. Ottenuto l’impasto, ricavare delle palline di circa 5 cm di diametro, schiacciarle, inserire mezzo cucchiaino di crema alle nocciole, riformare una pallina e appiattire ancora.Disporre i biscotti su una placca da forno coperta da carta forno. Cuocere a 180° per 20 minuti.

Continua a seguire le ricette di Prendili per la Gola sui social network

Facebook fan page Prendili per la Gola

Twitter account @nicacardinale

Pinterest Nica Cardinale

Instagram @Prendili per la Gola

1 2 3 15