Crea sito

Iievitati

Panzerotti pomodoro e mozzarella

panzerotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ già successo diverse volte! Quando i miei amici milanesi sono venuti qui a Bari, hanno voluto assaggiare il famoso panzerotto con pomodoro e mozzarella. Perchè? Perchè è squisito!

Oggi, per il pranzo li ho preparati in tre modi: ripieni di carne http://blog.giallozafferano.it/prendilixlagola/panzerotti-ripieni-di-carne-e-mozzarella-baresi/, di pomodoro e mozzarella e ora vi dirò ingredienti e procedimento e di ricotta, la versione dolce 🙂

Vediamo gli ingredienti!;)

 

INGREDIENTI:

500 g di farina 00

100 ml latte

200 ml acqua tiepida

20 g di burro

1 cubetto di lievito di birra

1 cucchiaino di sale

300 g di pomodori freschi

2 mozzarelle

2 cucchiai di parmigiano

4 cucchiaio di olio evo

1 uovo

sale e pepe

 

PROCEDIMENTO:

Cominciamo preparando l’impasto. ( io non uso l’impastatrice)

Ho disposto sul tagliere la farina a fontana, facendo un cratere al centro. Ho aggiunto il lievito di birra, burro e sale ( ricordatevi di mettere il lievito e il sale non insieme, in modo da non rallentare la lievitazione). Ho cominciato ad impastare aiutandomi con latte ( renderà l’impasto più croccante). Adesso aggiungo l’acqua tiepida e continuo ad impastare sino a quando non ho ottenuto un impasto liscio e omogeneo (saprete che è impastato bene perchè sentirete le bolle d’aria scoppiettare sotto le vostre mani).

Lascio riposare l’impasto per 3/4 ore.

Prepariamo il ripieno.

In una padella ho fatto scottare i pomodori con l’olio, conditi con sale e pepe. Quando sono cotti, li tolgo dal fuoco e li lascio raffreddare e sgocciolare (l’acqua di vegetazione bagna la pasta che durante la cottura si rompe sporcando l’olio facendolo saltare per tutta la cucina).

Quando il pomodoro è asciutto e freddo aggiungo la mozzarella e il parmigiano.

Adesso abbiamo tutto il necessario per preparare i panzerotti.

Divido l’impasto in piccole pagnottelle (da circa 5 cm di diametro).

Ora stendo ogni singola pagnottella e metto un cucchiaio di pomodoro su ogni disco.

Chiudo i dischi mettendo un semicerchio sull’altro facendo pressione con le dita sui bordi, in modo che il ripieno non esca fuori durante la cottura.

Scaldiamo l’olio a giusta temperatura (mi regolo tuffando un pezzo di pasta nell’olio, se risale subito a galla l’olio è pronto) e tutto con cura i panzerotti facendoli dorare bene da entrambi i lati.

Li scolo su carta paglia e subito dopo sono in tavola per essere mangiati.

Non vi è venuta l’acquolina in bocca?;)

Buon assaggio!:)

Panzerotti carne e mozzarella

panzerotti carne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quanti di voi lettori di questo giovane blog sono pugliesi, ancor meglio baresi? Allora sapete della magnifica bontà di questo tipico, quasi street food barese: IL PANZEROTTO!

Per aspettare la mezzanotte il 31 dicembre, perchè c’è la partita della nazionale, perchè si riunisce la famiglia, perchè si va in spiaggia tra amici…ogni occasione è buona per preparare i panzerotti. 🙂

I tradizionali sono quelli con pomodoro e mozzarella e ricotta ” squant”, nota nelle altre parti d’Italia, come ricotta forte :), in questo articolo vi propongo i panzerotti ripieni di carne e mozzarella, che a casa mia non mancano mai ( negli articoli successivi vi posterò anche i tradizionali pomodoro e mozzarella e anche la versione dolce con la ricotta).

Siete ansiosi di leggere la ricetta vero? Ok, vi accontento subito!

Vediamo gli ingredienti!;)

 

INGREDIENTI:

500 g di farina 00

100 ml latte

200 ml acqua tiepida

20 g di burro

1 cubetto di lievito di birra

1 cucchiaino di sale

200 g di carne tritata mista ( suino e vitello)

2 mozzarelle

2 cucchiai di parmigiano

1 cucchiaio di olio evo

1 uovo

sale e pepe

 

PROCEDIMENTO:

Cominciamo preparando l’impasto. ( io non uso l’impastatrice)

Ho disposto sul tagliere la farina a fontana, facendo un cratere al centro. Ho aggiunto il lievito di birra, burro e sale ( ricordatevi di mettere il lievito e il sale non insieme, in modo da non rallentare la lievitazione). Ho cominciato ad impastare aiutandomi con latte ( renderà l’impasto più croccante). Adesso aggiungo l’acqua tiepida e continuo ad impastare sino a quando non ho ottenuto un impasto liscio e omogeneo (saprete che è impastato bene perchè sentirete le bolle d’aria scoppiettare sotto le vostre mani).

Lascio riposare l’impasto per 3/4 ore.

Prepariamo il ripieno.

In una padella ho fatto rosolare la carne con un cucchiaio di olio, condita con sale e pepe. Quando è cotta, a fuoco spento, aggiungo l’uovo in modo che la carne si amalgami e aggiungo il parmigiano. Lascio raffreddare.

Quando la carne sarà fredda, aggiungo la mozzarella tagliata a pezzi piccoli, in modo che di confonda con la carne.

Adesso abbiamo tutto il necessario per preparare i panzerotti.

Divido l’impasto in piccole pagnottelle (da circa 5 cm di diametro).

Ora stendo ogni singola pagnottella e metto un cucchiaio su ogni disco.

Chiudo i dischi mettendo un semicerchio sull’altro facendo pressione con le dita sui bordi, in modo che il ripieno non esca fuori durante la cottura.

Scaldiamo l’olio a giusta temperatura (mi regolo tuffando un pezzo di pasta nell’olio, se risale subito a galla l’olio è pronto) e tutto con cura i panzerotti facendoli dorare bene da entrambi i lati.

Li scolo su carta paglia e subito dopo sono in tavola per essere mangiati.

Che ve ne pare? 😉

Ricordatevi di accompagnare i panzerotti con un bicchiere di birra fresca 😉

Buon assaggio!:)

Bruschette con pomodorini, capperi e olio evo

Questa è una ricetta veloce veloce, fresca fresca e buona buona.

Le bruschette con pomodorini, capperi e olio evo sono il piatto must dell’estate.

Quando non hai voglia di cucinare, quando il caldo ti assale, le bruschette ti salvano pranzo e cena…magari accompagnate da mozzarella fresca o stracciatella. Gnam Gnam 😀

Vediamo gli ingredienti;)

bruschetteINGREDIENTI:

10 fette di pane di Altamura ( o pane che avete avanzato a casa)

Pomodorini tipo ciliegino  ( oggi ne ho comprati dei dolcissimi)

capperi sott’aceto

olio evo ( io ho usato l’olio prodotto da conoscenti con olive non trattate)

 

PROCEDIMENTO:

Bruschettate le fette di pane sotto il grill per 5 minuti. Prima spennellatele con un pò di olio evo.

Tagliate i pomodorini e conditeli con i capperi, pochissimo sale ( non lo mettete se non amate il salato) e olio evo. Lasciateli insaporire una decina di minuti.

Posizionate i pomodorini sulle bruschette ancora calde e concludete con un filo di altro olio.

Et voilà il piatto più buono che c’è è pronto! 😉

Buon assaggio 😉

Saccottini alla nutella (con metodo sfoglia)

903838_4591144777627_646018845_o

Per iniziare una bella giornata ci vuole una sana e ricca colazione. E cosa c’è di meglio di un buono e fragrante saccottino, magari ripieno di nutella o di marmellata fatta in casa accompagnato da una tazza di caffè e latte?

Questa è stata la mia gustosa colazione di questa mattina…che ve ne pare?

Vi posto la ricetta in modo che possiate provarli anche voi…che bontà 🙂

Ingredienti (per 6 saccottini):

125 g di farina 00

125 g di manitoba

40 g di margarina vegetale

70 g di zucchero di canna

2 cucchiai di miele millefiori

150 ml di latte

estratto di vaniglia (una busta di vanillina nel caso non aveste l’estratto di vaniglia)

un pizzico di sale

60 g di lievito madre (o 12 g di lievito di birra fresco)

Per la sfogliatura:

125 g di margarina vegetale fredda di frigo

Per la farcitura:

scegliete tra nutella, crema, marmellata o pezzi di cioccolato

Procedimento:

Iniziamo la preparazione dei saccottini preparando l’impasto lievitato. Disponete sulla spianatoia le farine a fontana. Nel centro mettete lo zucchero, un pizzico di sale, un cucchiaino di estratto di vaniglia, il burro fuso. A parte scaldate il latte in un pentolino, intiepidendolo e sciogliete il lievito. Aggiungete il miele e unitelo alle farine. Cominciate a lavorare l’impasto sino ad ottenere un panetto liscio e morbido. Lo dovete lavorare per dieci minuti. Ora è pronto per lievitare. Ponetelo in un contenitore coperto da una coperta e lasciatelo al caldo fino a quando non sarà raddoppiato di volume. ( dipende da quanto è calda la vostra casa e dal tipo di lievito che utilizzate. Ricordate che il lievito madre ha bisogno di una lunga lievitazione).

Adesso è giunto il momento di passare alla sfogliatura. Prendete  il vostro  impasto bello gonfio e lievitato  e stendetelo sul tagliere ( vi consiglio un tagliere in marmo in quanto utilizzeremo il burro che tende a sciogliersi, quindi è meglio utilizzare una superficie fredda). Fate un rettangolo alto più o meno 8 mm. Adesso prendete un foglio di carta forno e la margarina dal frigo. Ponetela sul foglio e con un altro coprite il panetto e con colpi di mattarello appiattitelo ( è un buonissimo esercizio antistress se immaginate che quel panetto di burro è la persona che più non sopportate 🙂 ). Prendete la margarina appiattita e mettetela su metà rettangolo di impasto lievitato. Ora copritelo con l’altra metà e chiudete le due estremità. Adesso  piegate il nuovo rettangolo in tre parti, e poi nuovamente in tre parti nel senso della lunghezza. Mettete il panetto, avvolto nella pellicola, per 15 minuti. Trascorso il tempo, prendete il panetto, stendetelo e ripetete l’operazione della piegatura per altre 2 volte. (In totale avrete piegato l’impasto per tre volte).

Siamo pronte, ora preparare i nostri buoni saccottini. 🙂

Stendiamo il panetto in una sfoglia da 7 mm e tagliamola in rettangoli con misure 8x 15 cm. Stendete un cucchiaio di nutella (o marmellata o crema) su ogni rettangolo e arrotolate. Poneteli su una placca da forno coperta da carta forno distanziati perchè li lasceremo lievitare ancora 30 minuti. Cuocete i vostri saccottini a 180 ° per 30 minuti ( anche qui il tempo varia secondo il vostro forno).

Lasciateli raffreddare qualche minuto e spolverateli con lo zucchero a velo.

I saccottini alla nutella sono pronti per essere assaporati e a darvi la carica giusta per iniziare al meglio la giornata.

BUONA COLAZIONE 😉

Donuts salati con salsa tonnata e salsa ketchup

Donuts

I Donuts  salati con salsa tonnata e salsa ketchup, fritti, sono a dir poco golosiii! Sono ciambelle di patate che nell’impasto contengono acciughe, che danno sapore ai donuts e la martadella che insaporisce.
La salsa tonnata, leggera e vellutata, é preparata con crescenza, tonno, capperi e parmigiano, e latte scremato che trasforma la salsa in una deliziosa cremina.
Tutti gli ingredienti e le salsine rendono i donuts perfetti per un aperitivo sfizioso e saporito con gli amici.
Che aspetti, provali! Ti stupirai.

Donuts salati con salsa tonnata e ketchup

Ingredienti donuts:
 150 g di patate
 250 g di farina “00”
 30 g di burro
 1 uovo
 10 g di lievito di birra
 5 g di zucchero semolato
 2 filetti di acciughe sott’olio
 30 g di mortadella
 sale q.b.
 latte q.b
 Per la salsa tonnata:
 100 g di crescenza
 50 g di tonno al naturale
 3 capperi
 1 1/2 cucchiaio di parmigiano
 Latte scremato qb
 Ketchup
 1 l di olio di semi di mais per friggere
Procedimento:
 Cuocere le patate in acqua salata, privarle della buccia e schiacciarle con lo schiacciapatate.
 Unire la farina, il burro, l’uovo, lo zucchero, il sale, la salvia sminuzzata, il lievito sciolto nel latte e la mortadella tritata con le acciughe. Far riposare il composto per circa un’ora.
 Stendere con il mattarello, ricavare dei dischi di circa 7 cm e ottenere la classica forma a ciambella coppando il centro del disco con uno stampino di 1 cm di diametro. Far lievitare per la seconda volta per 30’ sopra un foglio di carta da forno.
 Friggere a fiamma moderata; scolare, salare e servire caldissime.
Per la salsa tonnata: Frullare la crescenza con tonno, capperi e parmigiano. Aggiungere latte scremato fino a quando non si ottiene una salsa cremosa.

Se i donuts ti sono piaciuti, lascia un like o commenta l’articolo.

Ti piace il blog Prendili per la gola? Segui anche le ricette sui social network

Facebook fanpage Prendili per la gola

Twitter account @nicacardinale

Instagram @Prendiliperlagola

Pinterest @Nica Cardinale

 

Tigelle

tigelle

Le Tigelle, questo è il nome con cui vengono chiamate le crescenti, focaccine tipiche delle zone modenesi.

Le tigelle sono fatte con un impasto semplice e saporito, con farina, acqua lievito di birra e strutto. Sono farcite con salumi e formaggi, ma sta a voi scatenarvi con la fantasia!

Vediamo gli ingredienti! 😉

 

 

Ingredienti 500 g farina, 25 g lievito di birra, 2 cucchiai di strutto, 10 g di sale, 150 ml latte e acqua qb, affettati  misti e formaggi per farcire

 

Procedimento

Disporre la farina a fontana sul tavolo da lavoro e unire tutti gli ingredienti. Lavorare l’impasto fino a quando non risulterà liscio ed omogeneo.

Lasciare lievitare fino a quando non e’ raddoppiato di volume. Stendere l’impasto.

Fare una sfoglia alta circa 2 cm e con un coppapasta formare dei dischi. Lasciarli riposare per altri 20 minuti coperti da uno strofinaccio.

Cuocerli in una padella antiaderente cuocendo le tigelle 5 minuti da un lato e 2 dall’altro.

Aprirle in due e farcirle con i salumi che più vi piacciono.

Le Tigelle sono servite.

Buon assaggio! 😉

Pan Brioche cotto e mozzarella

309947_4204564673366_1202201984_nIngredienti:

350g di farina

2uova

1patata media bollita

1 cubetto di lievito di birra

2 cucchiai di zucchero

3cuchhiai di olio

1 pizzico di sale

Per il ripieno:

200g di prosciutto cotto

200g di mazzarella

 

Procedimento:

Su una spianatoia mettere la farina a fontana, aggiungere le uova, la patata, lo zucchero, l’olio, un pizzico di sale ed infine il lievito.

Lavorare l’impasto affinchè non diventi un panetto morbido e liscio.

Dividerlo in due parti. Stendere il primo e farcirlo con il prosciutto cotto e la mozzarella a cubetti.

Chiuderlo formando un rotolo e lasciare lievitare per due ore.

Spennellare il pan brioche con il rosso d’uovo e infornare a 180° per 15-20 minuti.

Da questa dose si ricavano due pan brioche.

Buon appetito!

 

Focaccia, la ricetta che vi farà innamorare

Focaccia barese

Un vero must, sulle tavole della domenica, dei giorni di festa, per l’aperitivo con gli amici, come spezza fame, per un barese è la Focaccia. Tante sono le versioni, tante sono le ricette, in base al paese in cui la si gusta. Per alcuni nell’impasto dev’esserci la patata bollita, come la focaccia bitontina, per altri no, come quella barese. Può essere alta, o bassa, a seconda sei gusti, con il pomodoro fresco o col pelato o con le conserve, come quelle fatte in casa dalle nostre nonne. La focaccia è ricca di olive, dorata e insaporita dall’origano, comprato fresco d’estate ed essiccato all’aria aperta per la stagione invernale.

La focaccia è buona da sola, accompagnata alla mortadella, che lasciatemi dire, è uno dei matrimoni più riusciti, consumata come pane, magari abbinata ad un buon piatto di lambascioni lessi e poi conditi con olio e pepe.

Che dirvi, inutile nascondervelo, sono innamorata della focaccia!

 Focaccia 

per una teglia da 30 cm di diametro

200 gr di farina 0

100 gr di semola di grano duro rimacinata

180 ml di acqua tiepida

3 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di sale

per il condimento

5/6 pomodorini

3 cucchiai di olio

sale e origano qb

Inizio sciogliendo il lievito nell’acqua tiepida e aggiungo un mezzo cucchiaino di zucchero per attivare la lievitazione.

Verso il tutto nella ciotola della planetaria, unisco metà del mix dii farine e azione la macchina alla velocità 1. Quando il tutto è amalgamato, inserisco il sale e riprendendo la velocità, finisco di versare la farina. Aumento la velocità della planetaria a 4 e lascio lavorare per circa 5 minuti. E’ un impasto molto idratato non necessita di molto lavoro.

Trasferisco l’impasto – deve risultare un pò lento – in una ciotola infarinata, copro con un panno umido e lascio raddoppiare di volume.

Condisco il pomodorini tagliati in due con olio sale e origano.

Olio abbondantemente la teglia, stendo l’impasto della focaccia, dispongo i pomodorini e le olive. Distribuisco la miscela di olio e acqua dei pomodorini rimasto nella ciotola, sulla superficie.

Inforno a forno già caldo a 250° – in sostanza alla massima temperatura del vostro forno – e lascio cuocere per una ventina di minuti.

17157846_10208649988188103_8867556565302894971_o

Ricordate per una cottura ottimale, partite prima dal ripiano più basso del forno, fate cuocere la base della focaccia, poi spostatela in alto per far dorare la superficie.

1 3 4 5