Crea sito

Orecchiette con broccoli siciliani

orecchiette con broccoli siciliani

Sola qui a Milano, posso approfittare e preparare uno dei miei piatti preferiti, Orecchiette con i broccoli siciliani. Perchè dico approfittare? Perchè il mio fidanzato non ama i broccoli, ma sarebbe meglio dire, che non ama nulla che non sia carne! Si dice allergico alle verdure. Insomma un vero guaio, per lui si dovrebbe mangiare ogni giorno carne, roba unta e grassa. Nonostante tutto è magro come un chiodo e tutti si domandano quale sia il suo segreto.

Ok, bando alle ciance, veniamo alla ricetta che ho preparato per pranzo tutta dedicata a me. Le orecchiette sono quelle che mia madre ha preparato per me, con le sue mani d’oro, prima della mia partenza per Milano; va benissimo ogni genere di pasta, anche secca, ma devo dire che la pasta fresca, a mio avviso, lega meglio con la verdura.

Se non disponete di una mamma brava come la mia, potete scegliere la vostra pasta fresca preferita dal sito Puglia Food, troverete dalle orecchiette di grano duro, alle orecchiette di grano arso, passando per la pasta al primitivo. Se volete invece cimentarvi nella realizzazione delle orecchiette fatte in casa, seguite la mia ricetta che troverete sul sito I templari del Gusto.

Orecchiette con broccoli siciliani

Ingredienti per 4 persone

400 g di orecchiette di semola rimacinata

1 broccolo abbastanza grande 

olio evo, aglio, peperoncino e sale

Prendili per la gola

Pulire il broccolo siciliano dalle foglie e tagliare le cimette, sciacquare abbondantemente con acqua fredda. In una pentola far bollire l’acqua, versare le cime dei broccoli precedentemente scolati e salare. Nel frattempo far rosolare uno spicchio di aglio e olio evo q.b. e peperoncino. Scolare i broccoli a metà cottura e stufarli nella padella con olio, aglio e peperoncino. Aggiungere l’acqua di cottura dei broccoli se serve. Nella stessa acqua di bollitura dei broccoli, cuocere le orecchiette, se fresche basteranno 5 minuti. Unire le orecchiette cotte ai broccoli stufati e mescoliamo in modo che l’amido della pasta formi la cremina. Se dovesse servire, aggiungere poco per volta l’acqua di cottura. 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *





*